In un periodo così unico come quello che stiamo vivendo Doc sa che i vantaggi per i soci lavoratori dello spettacolo possono arrivare anche dall’esterno della rete. Sono tante infatti le iniziative poste in essere da partner e soggetti del mondo dello spettacolo per rispondere alla crisi creata dalla pandemia di Coronavirus. Che ha messo sotto pressione tutto il mondo del lavoro, tanto che sono circa 10.000 in tutta Italia le imprese che hanno già chiuso. Non meno difficile è la situazione per i lavoratori del mondo dello spettacolo: a causa dell’attuale mancanza di eventi il settore e in fase di stallo.

Prima di tutto è importante capire: quali sono i punti dedicati ai lavoratori dello spettacolo contenuti nel nuovo Decreto Legge?

I VANTAGGI PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO NEL DPCM DEL 17 MAGGIO

conte_dpcm_17_maggio
Il premier Conte firma il Dpcm del 17 maggio

La proroga del bonus dei 600 euro ci sarà anche per i mesi di Aprile e di Maggio. Le indicazioni non sono esaustive, ma pare che chi ha presentato la domanda per il mese di Marzo non debba inoltrarla nuovamente. Per accedere al Bonus il lavoratore deve aver versato almeno trenta contributi giornalieri (con imponibile fatturato fino a 50.000 euro) e almeno sette contributi giornalieri (con fatturazione fino a 35.000 euro), tutto da intendersi nell’anno 2019.

Un’altra misura importante riguarda la richiesta di un Reddito di Emergenza. Tutti coloro che non erano titolari di una partita IVA o di una qualsiasi altra forma di sostegno reddituale, con ISEE al di sotto dei 15.000 euro e con un patrimonio immobiliare inferiore a 10.000 euro, possono richiederla.

C’è anche la possibilità di indennizzo a fondo perduto per tutti coloro che ad Aprile hanno avuto un calo di fatturato pari ad un terzo rispetto ad Aprile 2019. La domanda dovrà essere inviata in via telematica all’Agenzia delle Entrate, a mezzo di un intermediario abilitato. L’indennizzo prevede la possibilità di ottenere il 20% della differenza sul mancato reddito tra il 2020 e il 2019, per coloro che nell’anno 2019 non hanno fatturato più di 400.000 euro; le percentuali si abbassano per importi superiori.
Un’altra novità è che i mancati versamenti per avvisi bonari, cartelle esattoriali e ogni altro tributo che era in scadenza nei mesi di Marzo, Aprile e Maggio è stato posticipato dal 30 Giugno al 16 Settembre, con possibilità di rateazione.

Possibilità di Eco-bonus, che consiste nel 110% di detrazione su eventuali spese di ristrutturazione volte al risparmio energetico. C’è anche la possibilità di avere una detrazione fiscale per tutti coloro che acquisteranno una bicicletta, un monopattino, una bicicletta con pedalata assistita

Ecco alcune iniziative utili per rispondere al Covid-19.

NUOVO IMAIE

Il Nuovo Istituto Mutualistico Artisti Interpreti Esecutori, collecting nata nel 2010 e gestita da artisti, dava la possibilità di fare domanda di partecipazione al Fondo Speciale per artisti fino al 23 aprile. E’ probabile che seguirà una nuova possibilità di domanda a Giugno, quindi conviene iscriversi il prima possibile per poterne fruire.

SIAE

Sono ancora chiusi gli sportelli di Roma, Milano, Torino, Bologna, Bari, Napoli, Palermo e delle filiali di Bolzano e Genova. E’ possibile contattare l’ente pubblico tramite Form Web (www.siae.it/supporto) o telefonando ai numeri: 06-59902351 e 06-59902607.

Gli utilizzatori del Portale Feste Private che abbiano richiesto un permesso per una data rientrante nel periodo di sospensione potranno richiedere il rimborso all’indirizzo rimborsi.coordinamentoterritoriale@siae.it.

Per recuperare gli importi versati per eventi annullati durante l’emergenza COVID-19 si può clicca qui. Infine il rinnovo degli abbonamenti per musica d’ambiente è stato prorogato al 31 maggio 2020 su tutto il territorio nazionale. Le informazioni sull’annullamento o il rinvio di eventi di spettacolo o intrattenimento sono disponibili clicca qui.

NOTE LEGALI

L’associazione di promozione sociale per la tutela del musicista continua con le dirette facebook. Ogni venerdì alle 14.30 Note Legali risponde a dubbi inerenti il mondo dello spettacolo, ma sono previste anche lezioni gratuite in altri giorni della settimana. Ovviamente tutto a favore dei musicisti e dei lavoratori del mondo dello spettacolo.

PETIZIONE #VELESUONIAMO

Oltre 60mila persone hanno firmato la petizione #Velesuoniamo, creata da Paolo Fresu e da altri soggetti della scena jazz italiana. Nel testo disponibile su Change.org sono spiegati i singoli punti, riassumibili con la richiesta di diritti per artisti e lavoratori del mondo dello spettacolo, con l’apertura di un tavolo interministeriale tra Mibact, Inps e Ministero del Lavoro.

E’ tutt’ora possibile firmare la petizione.

PIATTAFORME STREAMING

Anche le piattaforme di streaming musicale danno delle chiavi di lettura per gli artisti e i lavoratori del mondo dello spettacolo interessati dalla pandemia. Bandcamp ha istituito delle giornate in cui destinare tutte le revenue degli acquisti di merchandise direttamente agli artisti, senza l’usuale intermediazione economica con relative trattenute. Le prossime si svolgeranno il 5 giugno e il 3 luglio. Si prevede un grande successo di vendite, così come già venuto per le occasioni precedenti.

Spotify ha invece approntato un’iniziativa volta a favorire donazioni per associazioni che si occupano di aiutare musicisti e persone che hanno bisogno. Per ogni euro donato ad una di queste associazioni dagli utenti, Spotify ne donerà uno ulteriore. Questo tipo di meccanismo nelle intenzioni della piattaforma svedese può far raggiungere la quota di 10 milioni di euro in donazioni. Tra le realtà coinvolte a cui è possibile donare c’è anche l’italiana Music Innovation Hub.